Mahāśivarātri महाशिवरात्रि

Mahāśivarātri immagine interna alla descrizione del calendario

La grande notte di Śiva. Festa Hindū in onore di Śiva osservata nella notte del quattordicesimo giorno del mese di Magha (giorno della luna nuova), corrispondente ai mesi di febbraio-marzo.  Le persone digiunano, svolgono processioni, cantando durante la notte inni e lodi nel nome di Śiva. I templi in tutta l’India sono abbelliti con luci e decorazioni colorate, le persone offrono preghiere allo Śiva Lingam. Le celebrazioni più popolari di Mahāśivarātri si svolgono a Ujjain, che si ritiene sia il luogo di residenza del Signore Śiva. Śivarātri celebra l’evento con cui Śiva ha salvato il mondo: secondo i Purana, un vaso di veleno emerse dall’oceano, gli dei erano terrorizzati poiché poteva distruggere il mondo intero; chiesero soccorso a Śiva che, per proteggere il mondo, bevve il veleno mortale tenendolo in gola invece di inghiottirlo. Ciò gli rese la gola blu, per questo da allora fu conosciuto come Nīlakaṇṭha नीलकण्ठ, gola azzurra. Śivarātri è considerato particolarmente propizio per le donne: quelle sposate pregano per il benessere dei loro mariti e dei figli, mentre quelle non sposate pregano per ottenere un marito ideale come Śiva, sposo di Kali, Parvati e Durgā. Secondo la Tradizione, chiunque pronunci il nome di Śiva con devozione durante Śivarātri è liberato da tutti i peccati, liberato dal ciclo di nascita e morte.

error: Content is protected !!