fbpx

Dīpāvali दीपावलि o Divālī दिवाली

Diwali immagine interna alla descrizione del calendario

La “festa delle luci”, una delle festività più importanti e sentite in India, ispirata all’episodio mitologico del ritorno di Rama, incarnazione della divinità Viṣṇu. L’occorrenza ha una molteplicità di Significati:

La vittoria di Rama. Secondo il Ramayana, nel nuovo giorno di luna di Kartik, il Signore Rama, dopo aver sconfitto Ravana e conquistato Lanka, tornò ad Ayodhya insieme Sita e Lakṣmī. I cittadini di Ayodhya illuminarono l’intera città con le lampade.
Compleanno della dea Lakṣmī: la Dea si è incarnata nel giorno della luna nuova (Amāvāsyā) del mese di Kartik durante la zangolatura dell’oceano (samudra-manthan), da cui l’associazione di Divālī con Lakṣmī.
Nel giorno di Divālī, Viṣṇu, nella sua quinta incarnazione di Vaman-avatāra, salvò Lakṣmī dalla prigione del re Bali.
Il giorno che precede Divālī, il Signore Kṛṣṇa uccise il re demone Narakāasur e salvò 16.000 donne dalla prigionia. La celebrazione di questa liberazione come festival della vittoria è continuata per due giorni incluso il giorno di Divālī.
Secondo il Mahabharata, in questo giorno i Pandava ritornarono da dodici anni di esilio, causati dalla loro sconfitta con i Kaurava al gioco dei dadi. Questo giorno era celebrato dai seguaci dei Pandava illuminandolo con delle lampade.
Uno dei più grandi re Hindū, Vikramaditya, fu incoronato nel giorno di Divālī.

error: Content is protected !!